Fenestella

Ncopp’a na muntagnella
ce sta na fenestella
pare che vase ncielo
tanto che ncimma sta.

’O juorno se ciancea
c’ ’o sole che sbrennea
’a notte po’ cu’ ’e stelle
e ’a luna sta a pparlà.

Ncopp’a sta fenestella
ce cresce na rusella;
l’addore è accussì fforte
che arriva fin’a cca.

Passero, passariello,
tu ca si mariunciello,
arrobba chella rosa
e portammela ccà.

Dannà tu me farraje
pecchè tropp’auto staie!
Cu ll’uocchie sulamente
parlà te pozzo, oi né!

Uocchie, che la guardate,
uocchie, che le parlate,
’o chianto ca me costa,
facitele avvedè.

Condividi:

Altri articoli